logo
logo  logo

TECNICA VOCALE NEL CANTO: LA CREAZIONE DEL SUONO 

PROPOSTE MUSICALI

Scopri tutte le proposte musicali per il tuo Evento!

TECNICA VOCALE NEL CANTO

LA CREAZIONE DEL SUONO 

Visualizzare, capire, memorizzare

Riscaldamento vocale - riscaldare la voce - tecnica vocale canto

Parliamo di tecnica vocale. Quando parliamo o cantiamo,ogni volta che emettiamo un suono, avviene questo: l’aria passa attraverso le corde vocali che si avvicinano (adducono), vibrano. Questa vibrazione si propaga in una spazio (vuoto) e si genera così il vostro suono. Ogni strumento acustico ha bisogno di una cassa di risonanza (ne abbiamo parlato in altri post…)
Quando siamo in silenzio le corde sono aperte per permettere all’aria di passare. Quando emettiamo un suono (parlato o cantato che sia), si attiva questo processo.

MA CAPIAMO BENE ALCUNI DETTAGLI….

 

Il bel canto, ovvero l’origine di una tecnica vocale corretta, si basa sul concetto di “cantare sul fiato”.

Il falso mito del “cantare con il diaframma” in realtà è una frase impropria.

Lo scopo di una buona tecnica vocale non è cantare con il fiato ma cantare sul fiato!

Questa precisazione è fondamentale per capire come funziona la meccanica del nostro apparato fonatore, per visualizzare la formazione del suono e poter cantare in salute in modo consapevole.

Cantare sul fiato non è un concetto prettamente tecnico ma più una “condizione o sensazione” fisica e di relax conseguente ad una inspirazione corretta e ad una laringe rilassata.

La produzione un un buon suono “sul fiato” e in salute dipende dalla combinazione dei seguenti fattori:

  • Attacco del suono
  • Una buona respirazione e appoggio (alla base di una buona tecnica vocale)
  • Buona gestione delle casse di risonanza e dei registri vocali
  • Laringe rilassata
  • Tonicità delle corde vocali nell’atto dell’adduzione (buona capacità di avvicinarsi nella vibrazione)

 

Non amo scendere troppo nel dettaglio tecnico, credo che la strada migliore per capire la voce e migliorare la tecnica vocale nel canto sia sperimentare.

La fase dell’attacco potrebbe aiutarvi a capire come attivare tutto il procedimento in modo abbastanza automatico per poi, analizzare le sensazioni e memorizzarle.

Il modo in cui le corde si adducono può dare luogo a diversi tipi di attacco e di fonazione:

Attacco Morbido, Attacco Duro, Attacco Soffiato.

L’attacco vocale detto morbido o anche dolce, è quello corretto e permette alle corde vocali di addursi infatti dolcemente dando luogo ad un suono pulito e gradevole e con una buona gestione tecnica vocale.

L’attacco duro è sinonimo di voce sforzata e troppa pressione (ovvero troppa aria inviata alle corde che invece di vibrare allegramente 😁, sfregano tra loro dando origine a problemi vocali nel tempo)
L’attacco soffiato è tipico di una voce flebile, corde vocali con poco tono muscolare o problematiche fisiche.
Certo si possono utilizzare questi “attacchi” per dare un colore ma fate attenzione a non abusare.
Fate un’autovalutazione della vostra voce e nello specifico dell’attacco e degli step che si attivano nella fase di creazione del suono.

 

ESERCIZIO PRATICO 🎤👍

Per chi comincia ora:
seguite lo schema degli step che trovate in questo post lentamente. Provate frase per frase a capire che genere di attacco impostate d’intinto e visualizzate questo schema. Vi aiuterà a produrre il suono mettendo in atto anche una buona respirazione.

 

ESERCIZIO 1 tecnica vocale parte pratica

Consideriamo il palato duro (appena dietro l’arcata dentale superiore) come la prima zona sensibile in cui percepiamo il suono e concentriamo la nostra attenzione in quella ridotta zona.

Proviamo a questo punto ad emettere il suono humming, ovvero M MUTA a bocca chiusa maniera prolungata (dai 3 ai 5 secondi). Ciò che dovremmo percepire è una sensazione di solletico sul palato duro. Addirittura producendolo più e più volte potremmo sentire questa sensazione sino al naso.

Attraverso questa procedura possiamo sperimentare l’attacco morbido (la laringe rilassata e bassa, il diaframma in appoggio, l’intero nostro corpo rilassato).

Controllate di non dare colpi di glottide  (per capire cos’è fate un colpo di tosse appoggiando le dita sulla vostra laringe… ecco quel sussulto è il movimento di glottide… ).

Cominciate con una nota comoda poi man mano provate  a salire di tono sempre senza sforzare e controllando la vostra laringe.

Una piccola attenzione che vi darà soddisfazione!

Se le tensioni a livello della gola rimangono, la causa può essere un appoggio scorretto.

Eventualmente date un’occhiata a questi video tutorial:

🎵 APPOGGIO E SOSTEGNO

🎵 POWER DIAFRAMMA ALLENAMENTO

Oppure leggi questo articolo

Per i più esperti:

scegliete un vocalizzo (1-3-5-8-5-3-1) e ripetetelo 3 volte e ogni volta alternate attacco morbido, attacco duro (solo se sapete gestirlo!!) e attacco soffiato…

 

Allenate i colori della vostra voce per potervi divertire nell’interpretazione.
Scaldate sempre la voce prima di sperimentare …
RISCALDAMENTO VOCALE GUIDATO:

FATEMI SAPERE COME VA E SE NOTATE DEI PICCOLI MIGLIORAMENTI A LIVELLO DI TECNICA VOCALE NEL CANTO E NEL PARLATO…

Vuoi ricevere consigli sulla tecnica vocale per migliorare la tua voce? 

Iscriviti al gruppo privato facebook ed entra nella community! Troverai ogni settimana un contenuto gratuito

Sarai il benvenuto!!!

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PROPOSTE MUSICALI

Scopri tutte le proposte musicali per il tuo Evento!